Quando un VIRUS viene PER INSEGNARE a “RESPIRARE FIDUCIA”

“RESPIRARE FIDUCIA”: COME OGNUNO PUO’ RISOLLEVARE UNA NAZIONE DALLA PANDEMIA

Tra mente e cuore – Fabio Volo | in ascolto del cuorePiù il respiro è affannoso, veloce, superficiale più significa che l’individuo è sconcentrato, disequilibrato, distratto.
Il contrario del meditare.
Respirando lentamente e a pieni polmoni, l’ossigenazione del sangue cambia: la coscienza si calma e si diviene più controllati.
Molti non sanno che siamo una specie “mutante”, in continua evoluzione. Soprattutto riguardo l’evoluzione etica e morale interiore.
Siamo chiamati a cambiare il modo respirare: smetteremo di emettere anidride carbonica per espirare ossigeno. Come le piante.
Questa “mutazione” segnalerà che l’uomo è cambiato interiormente, che è asceso ad un livello di etico superiore, capace di sentirsi una cellula cosciente e vivente entro il corpo unitario dell’umanità.
Questo fatto porterà spontaneamente l’uomo che evoluto a sviluppare un pensare del cuore, capace di amare ogni cellula umana come parte del corpo terrestre.
Questa mutazione è legata al respiro. Solo rallentandolo, meditandolo, si creerà una conformazione del cuore, che diverrà un nuovo organo di pensiero.
Penseremo caldi pensieri di amore.
Il virus fa parte di quegli stimoli che il mondo spirituale invia a scopo propedeutico affinché se realizzi il pensare del cuore.
Chi oggi, respira profondamente, porta attenzione al proprio respiro, concentra l’attenzione sul proprio io. E questa attenzione/respirata muta il cuore, lo rende capace di pensare più profondamente.
E inoltre preserva dall’ammalarsi.
Si può azzardare a dire che più ci si desta portando coscienza verso il respiro, rallentandolo e vivendo lo profondamente, più il virus “sente” che non abbiamo “bisogno” della sua azione catabolica. Si allontana da noi.
Il vero “vaccino” è diventare più profondi, meno superficiali: e la cosa migliore è cominciare dal respirare profondamente.
In questo modo il virus non è più un terribile pericolo, ma un dispositivo spirituale per prepararci a trasformare il nostro cuore tramite il respiro.

Quando avviene una pandemia o una catastrofe mondiale, significa che tutte le forze invisibili, tutti gli SPIRITI che sono a governo di ogni nazione del mondo, concorrono contemporaneamente a regolare, rilevare, o meglio “testare” il grado di sviluppo SPIRITUALE di ogni singolo popolo, con “prove evolutive”, crisi umanitarie. E questo viene fatto tramite eventi salutistici (pandemie o epidemie) sia a mezzo di cause naturali (terremoti, maremoti, vulcani, ecc).

Quella a cui si assiste è una “prova” legata all’uso del polmone, entro l’aria: dell’elemento che ci mette in relazione con il respiro di ogni umano sulla terra.

L’atmosfera della Terra è costituita di aria e forza eterica vitale. Questo “etere” non è solo ossigeno e azoto, ma è espressione dell’etica spirituale della natura, della legge di armonia della Terra.

Ogni uomo, respirando inspira “forza etica terrestre” ed espira “forza etica umana re-individualizzata” .

L’etica è la capacità di operare verso un bene universale, che possa creare benessere interiore alla comunità.

E’ abitudine credere che ciò che accade dentro all’uomo, come pensiero e sentimento sia un “affare” che riguardi solo lui e non coinvolga e non influisca sull’ambiente esterno. Esiste invece un aspetto non solo fisico, ma anche un aspetto eterico terrestre, provvisto di una sua “ecologia morale ed etica” che può venire deturpata o offesa dai comportamenti pensanti e passionali umani.

L’ambiente si riempie, tramite il respiro polmonare, del lavoro interiore etico, sociale ed animico che viene operato da ogni umano verso altri umani e le creature terrestri. Ogni azione, sentimento e pensiero che l’uomo compie, viene immesso nell’atmosfera terrestre come “frutto” della sua partecipazione.

Rabbia, indignazione, indifferenza e odio, attraverso il respiro umano (che è collegato con le forze astrali presenti nell’anima umana) vengono immessi nell’atmosfera eterica terrestre.

E’ bene considerare ora che ciò che crea, “tutela” la salute animica e fisica di un popolo è legato allo stato di “risveglio” e di spiritualizzazione di un certo numero di individui che si dedicano ad uno sviluppo superiore.

E’ subordinato al grado di “inquinamento” immorale e asociale che il singolo uomo rilascia nell’ambiente eterico: questa mancanza di “etica umana” crea un effetto sull’ambiente. E di conseguenza ritorna verso l’uomo.

 

I 12 MAESTRI DELLA “CONFRATERNITA BIANCA” « UnicornosTuttavia esistono individui, che si distinguono dagli umani comuni, che si possono qualificare come “adepti” o “praticanti” spirituali, i quali continuamente osservano e si dedicano ad una disciplina di sviluppo etico/morale superiore che tenda ad elevare verso il “sovraumano”: verso lo stato angelico umano.

Costoro sono in grado di “emettere” un tipo di respiro non intriso di negatività e aggressività, ma molto simile all’aria immessa dalle piante. Essi possono “compensare”, controbilanciare l’amoralità diffusa dalla maggioranza della popolazione

Questo vale per ogni persona dotata di elevati valori etici/morali: questi individui “etici” non rilasciano la stessa qualità di anidride carbonica nell’aria, allo stesso modo di chi invece è avulso dal materialismo e dal nervosismo. Il respiro della persona che persegue uno sviluppo superiore, assomiglia più ad un respirare vegetale, puro, carico di forze di vita, eteriche, di forze di salute.

Ripetiamo nel dire che a questa opera, contribuisce ogni umano, nel suo piccolo: non è indispensabile essere “adepti” per accrescere l’aura etica/eterica della Terra, con la propria respirazione spirituale, ma vi concorre ogni umano che “aspira e pratica” una reale miglioramento di se stesso verso l’altruismo e la fraternità.

Esiste dunque la possibilità che grazie al lavoro etico interiore di pochi, molti possano giovarne ed essere salvati.

Non è dato di sapere quale debba essere il numero necessario di “adepti dello spirito” che deve essere raggiunto affinchè vi sia una “compensazione” e un equilibrio di salute stabile nel territorio a vantaggio di tutti gli abitanti.

Tuttavia una data quantità di “presenze” etiche conferiscono solidità sulla bilancia della moralità terrestre.

Gli “uomini evoluti spiritualmente” sono a loro volta in collegamento, o meglio sono “osservati” dai cosiddetti “maestri della fratellanza bianca” i quali hanno già superato il grado umano, guadagnandosi il grado di “angelo umano”.   A loro volta, i Maestri o uomini angelo, sono in partecipazione con entità superiori nominati al principio di questo scritto, che vengono chiamati “spiriti di popolo”, che sono i veri e propri governanti occulti di ogni nazione.

Non si tratta di “governanti” umani ma di “Arcangeli”. Questi esseri seguono, armonizzano e determinano lo sviluppo spirituale di ogni singolo popolo. E ne traggono loro stessi vantaggi personali per la loro evoluzione, in conseguenza del giusto sviluppo del popolo che “seguono” e sovrintendono.

 

Lo sviluppo di un dato popolo è determinato da un minimo di individui che abbiano raggiunto un dato livello di “risveglio interiore”. Sono questi uomini spirituali che accrescono e mantengono alta quella che si può chiamare la “massa critica evolutiva”. Quando quel numero è raggiunto, l’Arcangelo “pulisce” l’ambiente dai patogeni che hanno causato la pandemia, riducendo man mano la letalità.

 

Andria: Aiutiamo le persone a respirare!Ad Aprile, la “massa critica” era stata superata: si era raggiunto il livello di spiritualità auspicato dall’Arcangelo di popolo italiano. In Italia e nei paesi in cui la pandemia si stava attenuando e finendo, era stato raggiunto il numero “consentito” affinchè la “prova” evolutiva venisse risolta, accettata dai rispettivi Arcangeli delle nazioni.

Qualcosa ora è cambiato in Italia. La “massa critica” è decaduta, diminuita.

Probabilmente non vi sono più sufficienti adepti o individui che mirano allo sviluppo della propria spiritualità, non vi sono sufficienti individui etici, morali.

Gli Arcangeli hanno prorogato la” prova”: e le condizioni astrali per farlo sussisteranno sino al 21 Dicembre.

In altri articoli l’autore aveva nominato questa possibilità, anche se allora (Aprile 2020) sembrava che il pericolo fosse stato scongiurato dal superamento della “massa critica etica”.

 

Questo scritto è un invito a prendere coscienza che più si alzeranno i contagi, più sarà un segnale di diminuita condotta e consapevolezza etica. Più uomini smetteranno di avere rabbia, paura e avranno FIDUCIA nelle forze spirituali che vivono nel loro io, più la pandemia andrà verso una fine.

Cerchiamo quindi dal risveglio e all’addormentamento di scegliere “di dare” al mondo il nostro contributo etico e spirituale, promuovendo azioni e pensieri di FIDUCIA, di RESPONSABILITA’, FRATERNITA’ e di SOCIALITA’.

Grazie per chi leggerà queste parole e le porterà nel mondo.

Tiziano Bellucci, Bologna 28-10-20

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.